Nov 04 2008

Gliocladium roseum

Categoria: AttualitàEverland @ 20:15

“Ecchell’è… mò ti metti a parlare latino? Nutella, nutellae…”
Mi spiace cari ed affezionati lettori ma questo blog è SEMPRE stato un angolo per espandere la propria cultura e con questo post continuo su questa strada. Beh? Che sono ste pernacchie che sento in sottofondo? Vabbè… cmq, dicesi Gliocladium roseum un fungo della Patagonia. E’ stato scoperto dallo scienziato americano Gary Strobel (che ha più il nome da sciatore austriaco, ma vabbè) ed ha delle straordinarie capacità. Pare infatti che questo organismo endofita (che vive sulle foglie degli alberi) si nutra della cellulosa della pianta producendo in tal modo una miscela chimica simile in tutto e per tutto al… gasolio! Straordinario, nevvero?
Mentre si studiano gli sviluppi di questa scoperta mi vien da pensare come mai nessuno abbia mai cercato di sfruttare le emissioni naturali degli esseri umani dopo una bella magnata di fagioli. Riflettiamo… Ok, il tipo di gas sarà diverso e magari dovrebbe essere trattato, però si potrebbero utilizzare dei particolari gruppi formati da persone provenienti da carceri o centri di recupero (lavoratori socialmente utili). Questi volontari andrebbero chiusi in gabbie tipo le oche deputate al patè de foie gras, rimpinzati di fagioli con un imbuto e monitorati costantemente per prelevare i… gas di scarico. Geniale! Ora perfeziono la mia teoria e mi preparo a concorrere per l’edizione 2009 del Premio Nobel per la Pirologia Applicata alle bio-risorse energetiche. Sostenete la mia candidatura! A-hu! A-hu!




css.php