Apr 14 2009

Racconti Incantati

Categoria: Cinema e TVEverland @ 19:38

Il giorno di Pasquetta è storicamente dedicato al cinema. I negozi sono al 99% chiusi e così anche numerose attrazioni che possono esserci in città. E se a tutto questo aggiungiamo il meteo inclemente… beh, allora la scampagnata fuori porta lascia il posto ad una bella passeggiata al multisala più vicino. Ovviamente per vedere qualcosa che strappi qualche risata, di cui c’è sempre bisogno ed a maggior ragione in questo periodo.
Dopo la buona dose di divertimento racimolata con Zohan lo scorso autunno, si decide di dare ancora fiducia ad Adam Sandler, ultimo erede della grande dinastia cinematografica americana formata dai saltimbanco della commedia, tra cui i vari Jim Carey, Owen Wilson e Ben Stiller. Il buon Adam avrà fatto centro anche questa volta?

Skeeter Bronson è il figlio del proprietario di un motel che, tanti anni prima, fu costretto a cedere la struttura a causa dei debiti, ma con la promessa che il figlio, risolti i problemi finanziari, venisse scelto come direttore. Il motel, sotto la guida dell’acquirente Nottingham, diventa un hotel extra-lusso dove Skeeter lavora, sì, ma solo come riparatore degli impianti. Un giorno sua sorella Wendy, che non vede quasi mai, gli chiede di occuparsi dei suoi due figli perchè costretta ad allontanarsi temporaneamente dalla città. Zio Skeeter deve improvvisarsi ogni sera babysitter e lo fa raccontando storie della buonanotte di cui finisce con l’essere il protagonista. Stranamente, però, le vicende cominciano ad avere legami più stretti con la realtà, avverandosi in molti elementi, e Skeeter decide che questo potrebbe tornargli utile per conquistare il posto da direttore che doveva essere suo.

Come dicevo nell'”anteprima” Adam Sandler è uno di quegli attori che ha cucito addosso un ruolo e che difficilmente può uscirne. D’altronde la gavetta al Saturday Night Live non poteva che portarlo ad interpretare pellicole demenziali o prevalentemente comiche e commedie decisamente leggere. Racconti Incantati non scappa da questa lista ma vira leggermente dalla rotta, permettendo al comico di Brooklyn di evitare molti dei suoi cavalli di battaglia fondati su un repertorio vietato ai minori per concentrarsi su una favola moderna adatta a tutte le età. La trama, sintetizzata ai minimi termini, è la solita sceneggiatura da sogno americano: il perdente sfigato ha l’occasione della vita, vince nonostante numerosi ostacoli e trova anche l’amore, riscattandosi da una vita sottotraccia. Il bello è come si dipana il tutto. La trovata delle favole che prendono vita il giorno seguente è ottima per consentire la messa in scena di situazioni impreviste ed imprevedibili, e il modo di rappresentare le fiabe stesse, con gli attori immersi in ambientazioni tra le più svariate (far west, antica Roma, lo spazio) aumenta ulteriormente la sensazione di ampio respiro confezionata da Adam Shankman con una regia senza fronzoli ma ben orchestrata. Tra l’altro le ricostruzioni delle favole si prestano a numerosissime citazioni (Star Wars e Toy Story, tra le tante).
Sandler è affiancato da Courteney Cox (l’ex Monica di Friends) nella parte della sorella Wendy, vegetariana e rigidamente protettiva verso i figli. A causa di questa educazione i due ragazzi, Bobby e Patrick, accompagnati dal già leggendario criceto Pallocchio, sono straniti di fronte all’esuberanza dello zio, che però riesce subito a conquistarli. La stessa cosa capita anche con l’amica di Wendy, Jill (Keri Russell, vista nel serial Felicity), con la figlia di Nottingham, Violet (Teresa Palmer), con lo stesso Nottingham, ecc. ecc.: nessuno riesce a sottrarsi al potere conquistatorio di Skeeter. Come detto lo sviluppo della storia è prevedibile, ma la rappresentazione innovativa, ben ritmata, fresca e divertente, con i consueti spunti di riflessione sparsi qui e lì (salutismo estremo, speculazione edilizia), ne fa ampiamente consigliare la visione a tutti, grandi e piccini.

La frase: L’unico limite è la tua fantasia

Voto: 6.5

2 risposte a “Racconti Incantati”

  1. redax ha scritto:

    si mi è piaciuto..certo con una frase così..non poteva essere ke il mio cavillo di battaggia, errore..no cavillo è giusto..film godibile…per famiglie..e non..Cmq pallokkio è un mito!!!

  2. Everland ha scritto:

    Grande criceto rasta! 😀

    Ever



css.php