Mag 07 2009

Ficscion (11)

Categoria: Cinema e TV, FicscionEverland @ 22:59

Ma come?? Non ne avete ancora abbastanza? Eppure dopo 10 esperimenti di dubbia riuscita la soglia di tolleranza di voi lettori dovrebbe essere stata raggiunta e superata da un bel pezzo. Nonostante ciò la mia casella di posta è intasata da centinaia e centinaia di miliardi di richieste di continuare le mie personali rielaborazioni seriali con la distruzione a livello genetico di qualsiasi telefilm capiti sotto le grinfie della mia memoria televisiva. Per idee e suggerimenti non esitate a contattarmi, eh! Risponderanno con gentilezza e tempestività i miei sch… insostituibili collaboratori.

Oceano Pacifico. Al largo dell’Australia un volo di linea non riesce a proseguire il suo viaggio e si schianta su un’isola: i sopravvissuti sono poche decine. Ben presto sono chiare le difficoltà di un salvataggio sempre più lontano e i pochi rimasti devono fare conto con i gravi problemi della loro situazione. Si cerca del cibo, un riparo, un segno di vita. E le esplorazioni del territorio cominciano a dare i primi frutti.
“Ragazzi, ho trovato la Roccia Nera!”, dice l’iraqeno che torturava i cavalli, e non solo. “Ehi! Niente razzismo, qui! Al massimo è una roccia di colore…”, risponde il truffatore che da nomignoli a tutti, pesci compresi.
-“Aaaahhh, hanno rapito la bionda incintaaa”, si ode dall’accampamento a cinque stelle sulla spiaggia.
-“Chi?”, fa il chirurgo factotum.
-“Quella ricciolina lì… australiana…”, risponde gesticolando la pericolosa fuggitiva pluripregiudicata.
-“Chi?”
-“Quella che stava col cantante drogato…”
-“Chi?”
-“Quella che era amica del ciccione che da i numeri…”
-“Chi?”
-“Tua sorella!!”
-“See, certo… mia sorella… come no…”
-“Yin jo fant du ming ko za fa… strunz!”, lo insulta una coppia di coreani analfabeti.
Ma le novità non si fanno attendere e il pericolo è sempre dietro l’angolo.
“Gente gente, accorrete! Ho trovato una botola!”, sbraita il vetusto paraplegico miracolato. Attimi di panico separano il gruppo da alcuni suoni sospetti che sentono provenire dall’interno di quel mistero di metallo. Suoni confusi, poi sempre più chiari… pian piano distinguibili… una canzone. “Ma che ce fregaaa, ma che ce’mportaaa…”.
Il medico si innalza a capo degli isolani e apostrofa: “E’ possibile che quest’isola non sia disabitata. Questo stornello ne è la prova. E se esistono degli altri, sicuramente Loste saprà dirci dove sono”
“Chiiiiiii???”, echeggia un coro di voci bianche intorno al bunker.
“Loste! Non conoscete come prosegue la canzone? …se l’oste ar vino c’ha messo l’acquaaa… e noi je dimo, e noi je famooo… E’ sicuramente un codice da decifrare, ma se troviamo questo Loste potremo tornare tutti a casa!!”
Mentre alcuni tentano il suicidio ingurgitando sabbia, la botola si apre all’improvviso, dall’interno: “Vacce te a casa, a me me piaSce qui… ce stanno pure le mezze staggioni…”, risponde piccato uno scozzese di trastevere.

Avete letto l’ultima puntata della seconda stagione rivisitata di un grande casino televisivo che ha introdotto un nuovo personaggio ignoto, altrimenti detto
LOSTE

3 risposte a “Ficscion (11)”

  1. redax ha scritto:

    omg!!! 😀

  2. Everland ha scritto:

    Dopo aver toccato il fondo sto decisamente scavando… se trovo una botola ti avverto! 😀

    Ever

  3. lennon81 ha scritto:

    …e questa è finalmente ai tuoi livelli!!! Grande!



css.php